Loading...
FARINE2018-10-04T10:09:41+00:00

Siamo orgogliosi del nostro prodotto, poiché nasce e viene lavorato esclusivamente in Italia, certificato 100% biologico. Al giorno d’oggi il consumatore è sempre più informato e attento alle etichette e alla provenienza dei cibi: con il prodotto Campi Alti vogliamo tutelare la salute del consumatore e salvaguardare il vero Made in Italy, famoso in tutto il mondo per le sue eccellenze alimentari.

Le farine Campi Alti sono farine integrali o semi-integrali, macinate a pietra, completamente prodotte in Italia e 100% biologiche

Definiamo alcuni parametri per la valutazione delle farine, e per comprendere quindi al meglio la qualità dei prodotti Campi Alti.

La Forza della Farina, equivale alla sua capacità di assorbire liquidi e trattenere l’anidride carbonica durante la lavorazione.  Si misura in base alla proteina del glutine, di cui le farine integrali e semi-integrali sono particolarmente ricche. Sulle etichette la ritroviamo come parametro “W” che misura la massima qualità di panificazione della farina: più questo parametro è alto, maggiore è la resistenza alla lievitazione, e maggiore è anche la possibilità di ottenere impasti leggeri ed elastici.

Anche l’Umidità è un parametro importante.  Dovrebbero essere predilette farine con bassa umidità perché si ha un assorbimento maggiore di liquidi, e minore il rischio di formazione di muffe durante la conservazione. Generalmente l’umidità di una farina si misura in percentuale e, nella media, è del 14/15%.

Il P/L è il rapporto tra la Resistenza, cioè la forza massima che l’impasto oppone alla deformazione e l’Elasticità, ovvero la massima deformazione che l’impasto può raggiungere prima di rompersi. Più il rapporto P/L è alto, maggiore è la quantità di acqua necessaria per una corretta consistenza dell’impasto.

Le Ceneri sono le sostanze minerali contenute nella farina. La percentuale di cenere ammessa dalla legge dipende dalla tipologia di farina e si calcola su 100gr. di sostanza secca: 0,95% per il Tipo2 e 1,70% per l’integrale.

L’ultimo parametro interessante per valutare le performance di una farina è il “G”, ovvero l’indice di rigonfiamento, che permette di valutare la resa di una farina alla panificazione. Il valore ottimale si attesta fra 20 e 25.